Uomini e Profeti

Sabato 25 giugno 2016 - Storie. " Quando Dio è nel pallone " con Marco Dal Corso, Lorenzo Galliani, Davide Zoletto

  • Andato in onda:25/06/2016
  • Visualizzazioni:




      Nei giorni in cui un’Europa sfibrata dalla paura e dalle mille crisi che l’attanagliano celebra, come ogni quattro anni, il rito collettivo dei campionati continentali di calcio, questo sport appare sempre più chiaramente come un fenomeno di tipo religioso, “sufficiente a dare un senso a tutta la vita” (M. Augé). Stadi come templi, colori sociali utilizzati come paramenti liturgici, tifoserie assimilabili a schiere di devoti, pronti a sacrificarsi per il trionfo della propria squadra… Il calcio come surrogato di mondi religiosi che perdono terreno, morsi dalla secolarizzazione imperante? Vale la pena di chiederselo, anche perché – nonostante numerose contraddizioni che l’attraversano e gli evidenti rischi di alienazione - lo sport può rivelarsi anche ragione di incontri sorprendenti, spazio condiviso di espressione, nonché occasione quotidiana per prendersi cura insieme di luoghi e beni comuni. Parchi, campi sportivi, cortili scolastici possono così diventare stimolanti contesti educativi in cui sperimentare nuove appartenenze comuni, indipendentemente dalle provenienze religiose e culturali e dai pregiudizi reciproci. Di questo rifletteremo con Marco Dal Corso, docente di Dialogo interreligioso presso l’Istituto di Studi Ecumenici San Bernardino (VE), Lorenzo Galliani, giornalista sportivo e blogger, e con Davide Zoletto, professore di Pedagogia interculturale all’Università di Udine.




      Suggerimenti di lettura
      Davide Zoletto, Il gioco duro dell’integrazione. L’intercultura sui campi di gioco, Raffaello Cortina 2010
      Hugo Rahner, L’homo ludens, Paideia 2011
      Marco Dal Corso – Tobia Dal Corso, Bibbia e calcio, Claudiana – EMI 2014
      Desmond Morris, La tribù del calcio, Rizzoli 2016
      Marc Augé, Football. Il calcio come fenomeno religioso, EDB 2016
      AA.VV., Il potere del calcio, Limes n. 5 (2016)
      Lorenzo Galliani - René Pontoni,  Il calciatore preferito di papa Bergoglio, Minerva 2016

      Link
      http://crossmagazine.it/


      Ascolto musicale

      Quartetto Cetra, Che centrattacco, di V. Savona – T. Giacobetti


      Parole
      Non sapete che nelle corse allo stadio tutti corrono, ma uno solo conquista il premio? Correte anche voi in modo da conquistarlo! Però ogni atleta è temperante in tutto; essi lo fanno per ottenere una corona corruttibile, noi invece una incorruttibile. Io dunque corro, ma non come chi è senza mèta; faccio il pugilato, ma non come chi batte l'aria, anzi tratto duramente il mio corpo e lo trascino in schiavitù perché non succeda che dopo avere predicato agli altri, venga io stesso squalificato 
                                    Paolo, Prima Lettera ai Corinzi 9, 24-27


      Tutto quello che ho imparato dalla vita, l’ho imparato su un campo di calcio
                                                                       Albert Camus

      Un giornalista chiese alla teologa tedesca Dorothee Sölle: - Come spiegherebbe a un bambino che cosa è la felicità? – Non glielo spiegherei, ripose, gli darei un pallone per farlo giocare.
      Il calcio professionistico fa tutto il possibile per castrare questa energia di felicità, ma lei sopravvive malgrado tutto. E forse per questo capita che il calcio non riesca a smettere di essere meraviglioso... Per quanto i tecnocrati lo programmino nei minimi dettagli, per quanto i potenti lo manipolino, il calcio continua a voler essere l’arte dell’imprevisto. Dove meno te lo aspetti salta fuori l’impossibile, il nano impartisce una lezione al gigante, un nero allampanato e sbilenco fa diventare scemo l’atleta scolpito in Grecia…
                                                                  Eduardo Galeano 


       
      …un giocatore lo vedi dal coraggio, dall’altruismo e dalla fantasia  
                         Francesco De Gregori, La leva calcistica del ‘68

       

      Commenti

      Riduci